Daniela Franceschi, Israele e il Terzo mondo

"Free Ebrei", VIII, 1, gennaio 2019


Israele e il Terzo mondo: un approccio storico


di Daniela Franceschi

 


Abstract

Daniela Franceschi historically contextualizes the long-period relationships between Israeli State and the Third world, trying to individuate how the different perception of the Jewish state played a significant role in the geopolitical area.




Le relazioni tra Israele e i Paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina sono un barometro estremamente preciso dello spostamento della posizione globale dello Stato ebraico, delle sue priorità, delle sua politica e della sua auto-percezione fin dalla nascita nel 1948.    

Se nei primi due decenni, Israele si è considerato parte integrante del Mondo post- bellico, unendo le aspirazioni alla legittimità politica e al miglioramento economico con la preoccupazione per le sfide delle società emergenti, negli anni Settanta e Ottanta si legava più consapevolmente all’Occidente non solo politicamente ed economicamente, ma anche culturalmente. Negli ultimi vent’anni il primo percorso globale di Israele è stato sostituito da un sistema molto più selettivo e utilitario, tale nuovo approccio è stato il frutto dei risultati economici e dei timori riguardo la nascita di diverse correnti del mondo contemporaneo.  

Questi modelli sono evidenti, innanzitutto, nell’ambito geografico delle connessioni di Israele con i Paesi della parte meridionale dell’emisfero. Con poche eccezioni, lo Stato ebraico ha iniziato a forgiare dei legami con il maggior numero possibile di Paesi in America Latina, in Asia e in Africa. Dopo la rottura dei rapporti diplomatici con quasi tutti gli Stati africani, lo Stato ebraico si è concentrato sull’America Latina e sui Paesi più grandi dell’Asia, come Giappone, Corea e informalmente la Cina. Dopo il collasso del sistema sovietico e l’inizio dei negoziati israelo-palestinesi, gli orizzonti diplomatici di Israele si sono allargati e i suoi interessi in Africa, Asia e America Latina si sono focalizzati sugli Stati più promettenti dal punto di vista economico e politico, a detrimento dei Paesi più piccoli e deboli.

Questi cambiamenti sono stati accompagnati da una modificazione palpabile nell’approccio di Israele al mondo non occidentale. Lo Stato ebraico è passato da essere un Paese sottosviluppato ad uno completamente industrializzato, divenendo membro dell’OCSE; il suo originale internazionalismo è stato sostituito da un isolamento in un’epoca di globalizzazione economica. I legami diplomatici sostenuti dall’assistenza tecnica, anche se ancora importanti, non aprono più la strada dell’interscambio economico. Al contrario, le preoccupazioni pratiche- principalmente relative alla dimensione dei mercati e alle potenziali fonti di materie prime- ora dettano il passo delle connessioni formali.            

interests in Africa, Asia and Latin America have focused primarily on the moreLa relativa preminenza dei vari attori nelle relazioni tra Israele e gli Stati dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina hanno subito una alterazione significativa. Dove diplomatici e tecnici guidavano una volta i rapporti israeliani con l’estero, ora imprenditori e consiglieri di sicurezza sono onnipresenti.

Il risultato di tale processo è stato un Israele più pragmatico e dalla strategia diplomatica differenziata.

Si possono distinguere diverse fasi nelle relazioni tra Israele e il Terzo Mondo, sulla base della profondità dei legami e del continente a cui è stata assegnata la priorità più alta.  Alla vigilia della fondazione dello Stato, l’Agenzia Ebraica, che in quel periodo guidava la politica estera in Palestina, l’Yishuv, si concentrò prevalentemente sulle relazioni con l’America Latina. Più di un quarto dei membri dell’ONU erano latinoamericani, quindi, i loro voti erano fondamentali per il successo del movimento sionista, sia per il delicato passaggio sulla pianificazione della spartizione nel novembre del 1947 sia per l’ingresso dello Stato ebraico nell’ONU due anni più tardi. Nel dettaglio: i tre Paesi dell’America Latina, Guatemala, Perù e l’Uruguay che facevano parte dell’UNSCOP, l’United Nations Special Committee on Palestine, appoggiavano il piano di divisione. Quando la decisione fu portata successivamente davanti al plenum dell’Assemblea delle Nazioni Unite, trentatré Paesi vorarono a favore, tra cui tredici dell’America Latina.         

on behalf of Hebrew Palestine throughout the continent (Kaufman in Ofaz, 181–185). Prima della fondazione di Israele, vi erano soltanto due Stati indipendenti in Africa, Etiopia e Liberia, entrambi relativamente amichevoli verso la causa sionista. La situazione in Asia era più impegnativa; malgrado i suoi persistenti sforzi, il movimento sionista non riuscì a garantirsi il sostegno dell’India, infatti, il Mahatma Gandhi sosteneva che la Palestina appartenesse agli arabi, proprio come l’Inghilterra apparteneva agli inglesi e la Francia ai francesi, mentre Pandit Nehru, braccio destro di Gandhi e Primo Ministro dell’India, considerava la Palestina una terra araba e i sionisti alleati dell’imperialismo britannico. A volte, l’esperienza storica di una Nazione interferisce con lo sviluppo di relazioni cordiali con lo Stato ebraico; infatti, Gandhi e Nehru erano categoricamente contrari al progetto di spartizione britannico dell’India, in cui la maggioranza della popolazione era indù, in due Stati uno indù e l’altro musulmano. Per questo stesso motivo, erano anche assolutamente contrari alla divisione della Palestina. I leader di un’India “indivisibile” simpatizzavano pienamente con gli arabi palestinesi, che nel 1947, lo stesso anno dell’indipendenza dell’India, avevano chiesto una Palestina “indivisibile” sotto il controllo della maggioranza araba.   

In questo contesto, non stupisce che l’India abbia votato contro la divisione sia in sede UNSCOP sia all’Assemblea Generale dell’ONU. Le Filippine erano l’unico Paese asiatico a sostenere la decisione, mentre gli altri Stati, India, Afghanistan, Iran e Pakistan, vi si opposero, la Cina si astenne e la Tailandia era assente.

Tra il 1949 e il 1956, il centro di gravità della politica verso il Terzo Mondo di Israele si spostò verso l’Asia, ciò nonostante si formarono dei legami anche con Stati collocati alla periferia del Medio Oriente, come Turchia e Iran. Negli anni Cinquanta Israele instaurò dei legami più solidi anche con la Birmania, allorquando Gerusalemme estese il suo supporto in molti ambiti; gli eventi fondamentali in queste relazioni furono la visita del Primo Ministro birmano, U Nu, in Israele nel 1956 e la visita di David Ben Gurion a Burma nel 1961. In occasione della sua visita, il Primo Ministro israeliano dichiarò che i legami con il continente asiatico, sotto il profilo economico, politico e culturale, avrebbero determinato il destino e lo status internazionale dello Stato ebraico più di qualsiasi altro fattore.

Contemporaneamente, Israele cercò di normalizzare le sue relazioni con l’India, che aveva riconosciuto lo Stato ebraico nel 1950. Sebbene un consolato israeliano fosse stato aperto a Bombay nel 1953 e si fossero tenuti incontri tra i dirigenti israeliani e il Primo Ministro indiano Nehru, questi eventi non portarono a pieni rapporti diplomatici o ad una stretta collaborazione con l’India in altre aree. I rapporti tra Israele e l’India rimasero tesi; per esempio, Nehru vide la campagna del Sinai, quando Israele invase il Sinai durante la crisi di Suez del 1956, come prova che lo Stato ebraico era un alleato dell’imperialismo.

Durante gli anni Cinquanta, furono stabiliti dei contatti anche con la Cina comunista. Benché Gerusalemme avesse riconosciuto la Repubblica popolare cinese nel 1950, i contatti segreti non portarono all’istituzione di legami diplomatici, soprattutto a causa della preoccupazione di Israele per la risposta degli Stati Uniti, che avevano imposto un boicottaggio economico alla Cina maoista nel 1950. Infine, Israele aprì legazioni diplomatiche in Birmania, Tailandia, Nepal, Filippine e Giappone, ottenendo un rifiuto da parte di Pakistan e Indonesia.

In generale, si può affermare che gli sforzi di Israele in Asia nel corso degli anni Cinquanta ottennero risultati disomogenei, in quanto non riuscirono a stabilire legami significativi con i tre Paesi più importanti del continente: dalla fase preliminare nei primi anni Cinquanta, i rapporti con la Cina si deteriorarono fino ad una ostilità aperta dopo il 1956; i legami con l’India, che erano limitati e tesi sin dall’inizio, peggiorarono ulteriormente dopo il 1956; il Giappone non mostrava alcun segno di amicizia, infatti, sosteneva con fervore il boicottaggio arabo.

L’acme in negativo delle relazioni di Israele con il Terzo Mondo fu raggiunto alla Conferenza di Bandung nel 1955, a cui erano stati invitati tutti i Paesi dell’Asia e dell’Africa, con l’eccezione dello Stato ebraico e del Sud Africa. I partecipanti emisero una dichiarazione congiunta in cui esprimevano il loro sostegno ai diritti degli arabi in Palestina, chiedendo, inoltre, l’attuazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite, in particolare quelle riguardanti i confini e il diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi.

Dal 1957 al 1973, l’Africa fu al centro della politica di Israele verso il Terzo Mondo.

Nell’immediato periodo post-coloniale, i rapporti tra Israele e i Paesi Africani erano caratterizzati dall’altruismo dello Stato ebraico e dal suo tentativo di interrompere il boicottaggio dei vicini arabi. Allo stesso tempo, l’Africa accolse Israele perché entrambe le parti avevano condiviso una storia di lotte anti- coloniali e, tra i Paesi sviluppati, lo Stato ebraico si era dimostrato pronto ad estendere l’assistenza per lo sviluppo al continente africano. Inoltre, particolarmente dopo la Shoah, la popolazione ebraica considerava importante rafforzare le capacità delle persone svantaggiate per far fronte alle abbondanti minacce presenti in un mondo volatile. A tal fine, durante questa fase, Israele inviò in Africa degli esperti per lo sviluppo. Questo sostegno umanitario si dispiegò nei settori dell’assistenza tecnica, delle imprese, degli scambi, e dei programmi di formazione. Vi era anche una confluenza di interessi nell’ambito della sicurezza che sostenne l’evoluzione di queste relazioni; infatti, con la proliferazione di regimi militari nel continente africano, Israele è stato un partner attraente per alcuni leader africani, in base al suo know-how tecnico. Al culmine della cooperazione nell’ambito della difesa, Israele era strumentale nella formazione del personale militare, nella istituzione di organizzazioni paramilitari e nella fornitura di armi agli alleati africani. Attraverso queste relazioni, Israele predispose una politica estera finalizzata a contrastare il boicottaggio arabo.

Le élite nazionaliste africane degli anni Cinquanta e Sessanta hanno veramente ammirato Israele. Questo sentimento traeva origine da diversi paralleli storici: l’esilio degli ebrei e la dispersione dei neri; i pogrom contro gli ebrei e i linciaggi degli afroamericani; i ghetti ebraici e neri; la schiavitù e la Shoah; il sionismo e il sionismo nero. Inoltre, il coinvolgimento attivo degli ebrei in movimenti liberali, socialisti, antirazzisti, e anticolonialisti in America e in Europa ha favorito l’avvicinamento tra ebrei e neri. Soprattutto, i nazionalisti africani-  - Du Bois e Padmore, Nkrumah e Nyerere, Césaire e Senghor, Kenyatta e Mboya, Banda e Tubman - credevano fermamente che i nemici degli ebrei fossero anche i nemici dei neri. In altre parole, vi era una connessione tra l’antisemitismo e il razzismo bianco.military regimes on the continent, Israel was an attractive partner to some

Le relazioni di Israele con il Ghana, la prima colonia dell’Africa subsahariana ad ottenere l’indipendenza nel 1957, costituirono un punto di riferimento nei rapporti dello Stato ebraico con l’Africa. Durante il governo di Kwame Nkrumah, il Ghana indipendente sviluppò stretti legami con Israele in molteplici settori: nell’addestramento militare, compresi i programmi di preparazione per gli studenti delle scuole superiori, nel trasporto marittimo e aereo, nell’agricoltura e nell’irrigazione. Le strette relazioni con Nkrumah aprirono la strada all’instaurazione di legami con altri leader africani- Nyerere del Tanganica, Kenyatta e Mboya del Kenia, Banda del Malawi, e Lumumba del Congo. Israele riuscì anche a stabilire delle relazioni con l’Etiopia dell’imperatore Haile Selassie e con i leader politici dell’Africa francofona, tra cui i primi furono Sengor del Senegal e Houphouët-Boigny della Costa d’Avorio. Nei primi anni Sessanta, al culmine delle sue relazioni con l’Africa, Israele aveva ottenuto una serie di risultati positivi; tutti gli Stati indipendenti dell’Africa sub-sahariana, con l’eccezione della Mauritania e della Somalia che facevano parte della Lega Araba, avevano istituito dei rapporti diplomatici con lo Stato ebraico, rifiutando in tal modo la posizione araba. Durante questo periodo, Israele ebbe rapporti diplomatici con trentatré Paesi in Africa, ognuno dei quali ospitava un’ambasciata israeliana. Ad eccezione degli Stati Uniti, Israele aveva il maggior numero di sedi diplomatiche in Africa rispetto a qualsiasi altro Paese. È interessante notare come lo Stato ebraico riuscisse a mantenere dei rapporti con i Paesi musulmani del Sahel, un gruppo di Stati africani che avrebbe formato l’avanguardia della lotta diplomatica di Israele alle Nazioni Unite nel 1960 per giungere a negoziati diretti con gli Stati arabi.   

 L’importanza dell’Africa nelle relazioni internazionali israeliane si è anche manifestata nell’atteggiamento di Gerusalemme verso il Sud Africa dell’apartheid. Per anni, vi fu una controversia presso il Ministero degli Esteri israeliano tra gli aderenti alla realpolitik, che chiedevano il mantenimento delle relazioni con il Sud Africa, anche se erano suscettibili di mettere in pericolo i legami con gli Stati dell’Africa Sub-sahariana, e gli “africanisti” che si opponevano alla conservazione di rapporti cordiali con il regime dell’apartheid. Durante gli anni Sessanta, gli “africanisti” presero il sopravvento: in questo periodo non vi era un’ambasciata israeliana a Pretoria, né un’ambasciata sudafricana a Tel Aviv, e Israele votò regolarmente contro la politica razzista del Sud Africa in sede ONU.              

Nonostante i positivi rapporti instaurati nel continente africano, la Guerra del Kippur del 1973 generò una completa inversione nei rapporti Israele-Africa. Anche se nel periodo tra il marzo del 1972 e il settembre del 1973 erano già avvertibili i primi segnali di erosione quando sette nazioni africane interruppero le loro relazioni con Gerusalemme, il vero sconvolgimento divenne evidente durante la guerra e nel periodo immediatamente successivo. Dall’ottobre al novembre del 1973, non meno di 21 Stati ruppero le relazioni diplomatiche con Israele come prova di solidarietà con l’Egitto, la “sorella africana” e in segno di protesta per l’attraversamento del canale di Suez e la penetrazione nel continente africano dell’esercito israeliano.

Alla fine del 1973, soltanto i rapporti con lo Swaziland, il Malawi, Lesotho, e le Mauritius, che interruppe le relazioni nel 1976, erano ancora intatti.

La rottura dei rapporti con gli Stati africani determinò un completo cambiamento nei rapporti tra Israele e il Sud Africa, ponendo gli alfieri della realpolitik all’interno del Ministero degli Esteri in una posizione privilegiata. Nel 1974, Israele e Sud Africa aprirono le ambasciate di Pretoria e Tel Aviv; il Primo Ministro sudafricano fu invitato in Israele, e i due Paesi migliorarono le loro relazioni in ambito economico e della sicurezza.

Nonostante l’allontanamento ufficiale, molti Stati africani continuarono a mantenere relazioni commerciali ed economiche con Israele. Infatti, l’attività commerciale con Paesi come la Nigeria, l’Angola, il Camerun, e lo Zaire crebbe in modo significativo, inoltre, Israele seguitò a conservare “uffici d’interesse” in Ghana, Costa d’Avorio, e Kenya.

Dopo il crollo delle relazioni con l’Africa nel 1973 e il ricorrente fallimento di stabilire delle relazioni più strette con i giganti asiatici India e Cina, Israele concentrò la sua attenzione verso l’America Latina.       

Dato il deterioramento dei rapporti asiatici e africani, Israele fu ostracizzato dall’intero Terzo Mondo, e la sua legittimità internazionale ebbe un forte ridimensionamento.

Negli anni Settanta, la maggior parte dei Governi in America Latina erano regimi militari; Israele collaborò con molti di questi Governi in materia di sicurezza e esportazione di armi. La vendita di armi alla dittatura militare argentina suscitò aspre critiche. Ciò nonostante, Israele proseguì la fornitura di armi al regime, anche durante la guerra esplosa tra Gran Bretagna e Argentina quando quest’ultima invase le isole Falkland nel 1982.

Allo stesso tempo, i legami tra Israele e America Latina che ruotavano intorno agli aiuti internazionali e alle relazioni culturali erano in costante diminuzione. Malgrado le energie investite in America Latina, i risultati raggiunti dallo Stato ebraico sarebbero stati molto effimeri; infatti, Messico e Brasile votarono a favore nel 1975 della risoluzione dell’Assemblea delle Nazioni Unite che equiparava il sionismo al razzismo. In seguito, dopo la decisione della Knesset di annettere Gerusalemme Est nel 1981, le ambasciate latino-americane lasciavano Gerusalemme per spostarsi a Tel Aviv.

La risoluzione delle Nazioni Unite che equiparava il sionismo al razzismo preannunciava ciò che Israele poteva aspettarsi dal peggioramento della sua posizione nel Terzo Mondo. In ogni caso, nel 1980 Israele conservava relazioni con la maggior parte dei Paesi dell’America Latina, ad eccezione di Cuba, della Guyana, e del Nicaragua, cominciando, allo stesso tempo, a ricucire i rapporti con l’Africa, ripristinando i legami con lo Zaire, la Liberia, la Repubblica Centroafricana, il Togo, il Camerun, la Costa d’Avorio, il Kenya, e l’Etiopia.

Il rinnovato rapporto degli Stati africani con Israele era imputabile principalmente alla politica aggressiva adottata dalla Libia di Gheddafi, che non aveva nascosto le sue mire territoriali e politiche sulla regione del Sahel e sull’Africa occidentale. Inoltre, vi era molta insoddisfazione per la mancata attuazione delle promesse di aiuto della Libia e preoccupazione da parte degli Stati cristiani per il crescere del fondamentalismo islamico sulla scia della rivoluzione iraniana del 1979. L’Accordo di pace tra Egitto e Israele del 1979 contribuì al riavvicinamento, in quanto non vi era più alcun bisogno di mostrare solidarietà alla “sorella egiziana”. Arye Oded e Naomi Chazan hanno attribuito il ripristino parziale dei legami a due membri del Ministero degli Esteri israeliano- il direttore generale, David Kimche, e il direttore della Divisione Africana, Avi Primor- che consideravano estremamente importanti i rapporti con l’Africa e lavorarono per ricucirli.

Gli anni Ottanta furono testimoni di un miglioramento della posizione di Israele in Asia. Una delle manifestazioni di questo cambiamento fu l’istituzione di legami economici con il Giappone, nonostante il boicottaggio arabo. Allo stesso tempo, lo Stato ebraico sviluppò rapporti con la Cina, esportando armamenti destinati all’esercito cinese. La Cina continuò, tuttavia, ad essere un importante fornitore di armi agli Stati arabi per tutti gli anni Ottanta. I rapporti informali con la Cina furono dunque rafforzati, specialmente dopo l’apertura di un consolato israeliano ad Hong Kong nel 1983.

Gli Stati dell’Asia con i quali Israele mantenne delle relazioni diplomatiche per tutti gli anni Ottanta furono il Giappone, la Corea del Sud, le Filippine, la Tailandia, Singapore, la Birmania, e il Nepal.

Durante gli anni Novanta, vi fu un notevole miglioramento delle relazioni di Israele con l’Asia e l’Africa: lo Stato ebraico, infine, stabilì piene relazioni diplomatiche con la Cina e l’India, inaugurò rapporti con la Mongolia, con il Vietnam unito, con la Cambogia, il Laos, la Corea del Sud, e il Sri Lanka. Inoltre, furono avviati dei rapporti con quattordici Stati dell’Oceano Pacifico, tra cui Papua e le Isole Fiji. Gli unici Stati con cui Israele non aveva rapporti diretti all’inizio del ventunesimo secolo erano i Paesi arabi, ad eccezione della Giordania, Paesi musulmani non arabi, tra cui Pakistan, Bangladesh, Indonesia, Malesia, Brunei, Maldive, e la comunista Corea del Nord.

Il motivo principale per l’inversione di tendenza nei rapporti tra Israele e Asia è stato il crollo del blocco sovietico, che aveva fatto pressioni contro lo Stato ebraico in tutto il Terzo Mondo. Il mondo bipolare in cui i Paesi del Terzo Mondo potevano mettere l’uno contro l’altro Occidente e Oriente era finito, ormai relegato ai libri di storia. Di conseguenza, la posizione del Terzo Mondo come blocco unitario di Stati si era indebolita progressivamente dal 1990, e alcuni osservatori giunsero alla conclusione di poterne predire anche la fine. Moshe Yegar ha notato come il crollo del blocco sovietico avesse generato una nuova situazione, in cui la comunità internazionale non aveva più bisogno di aderire con fervore ai rituali del Terzo Mondo, tra i quali l’ostracismo di Israele e la sua condanna.

Secondo Yitzhak Shelef, proprio come nella “teoria del domino”, la Cina era stata responsabile per la rottura delle relazioni afro-israeliane dopo la guerra dello Yom Kippur, così la sua decisione di istituire piene relazioni diplomatiche con lo Stato ebraico spinsero l’India a seguire le orme di Pechino. La decisione dei due giganti asiatici rese più facile lo stesso passo per il Vietnam, la Cambogia, il Laos, e la Mongolia.

L’avvio delle relazioni con l’India fu davvero una svolta per la posizione di Israele in Asia. Insieme con il crollo dell’Unione Sovietica, i negoziati tra Israele e OLP nel 1991 a Madrid e i conseguenti Accordi di Oslo nel 1993 rimossero i timori dell’India di una reazione ostile da parte del mondo arabo e della consistente minoranza musulmana all’interno dei suoi confini. La perdita del supporto di Mosca e il successivo smembramento dell’Unione Sovietica aumentarono l’importanza delle relazioni dell’India con gli Stati Uniti, così come con la sua comunità ebraica, e senza subbio influenzarono la decisione di Delhi di porre fine ad un periodo di oltre quarant’anni durante il quale i rapporti con Israele non erano stati normalizzati ed erano rimasti limitati. Con l’avvio di relazioni normalizzate, rapporti globali evolvettero rapidamente nei campi della sicurezza, dell’agricoltura, della medicina, della cultura, della scienza, e dell’aviazione.

Un altro importante punto di riferimento nella trasformazione della posizione di Israele in Asia fu l’instaurazione di rapporti con la Cina comunista nel 1992. Questi legami si erano sviluppati lentamente dopo la morte di Mao Zedong nel 1976. Tre anni dopo la morte del Presidente, la Cina avviò i primi contatti con le industrie militari israeliane. Altri passi significativi lungo la strada per relazioni diplomatiche piene furono l’apertura di un consolato israeliano ad Hong Kong, la vendita di armi alla Cina durante gli anni Ottanta, e l’apertura di un “ufficio di collegamento accademico” israeliano. Come nel caso indiano, l’intensificarsi dei rapporti tra Washington e Pechino risultò essere un elemento chiave, tale da permettere agli Stati Uniti e agli ebrei americani di esercitare la loro influenza sulla Cina. Con la creazione di relazioni diplomatiche con la Cina comunista, Israele si impegnò ad astenersi da qualsiasi rapporto ufficiale con la Repubblica Nazionalista Cinese, Taiwan, e con il Governo in esilio del Dalai Lama. Inoltre, Israele e Cina formarono numerose joint venture nei settori della sicurezza, del commercio, dell’agricoltura, della scienza e della medicina. Le visite in Cina del Presidente Herzog nel 1992 e del Primo Ministro Netanyahu nel 1998, e le corrispondenti visite di alti rappresentanti del Governo cinese in Israele testimoniarono il rapporto nascente tra le due Nazioni.

Le relazioni con la terza potenza asiatica, il Giappone, migliorarono marcatamente, in particolare per quanto riguardava il commercio bilaterale, nel corso degli anni Novanta, sulla scia del boicottaggio economico arabo. Rapporti che erano stati rigidi in passato, divennero sempre più aperti e cordiali.

Le relazioni afro-israeliane si innovarono durante gli anni Novanta. Diciotto Paesi ristabilirono i loro legami con lo Stato ebraico e altri undici avviarono dei rapporti con Israele per la prima volta.

La conservazione di relazioni diplomatiche con il Sud Africa, dopo il passaggio dei poteri alla maggioranza nera della popolazione nel 1994, fu un ottimo risultato per la diplomazia israeliana. Date le strette relazioni, in particolare la forte cooperazione militare, tra Israele e il regime dell’apartheid negli anni Settanta e Ottanta, era ipotizzabile che il nuovo Sud Africa rompesse le relazioni con Israele. Ciò non è avvenuto poiché Gerusalemme aveva sempre rispettato il quadro di sanzioni internazionali contro il Sud Africa nel 1987 e perché il Governo israeliano aveva avuto l’accortezza di stringere dei legami con i leader della maggioranza nera prima del trasferimento dei poteri, tramite organizzazioni non governative, come l’Histadrut, il più importante sindacato dei lavoratori in Israele. Inoltre, nella misura in cui Nelson Mandela e i suoi colleghi erano interessati, gli Accordi di Oslo del 1993 erano un segno del cambiamento in atto in Israele.

 Come in Asia, il rinnovarsi delle relazioni con i Paesi africani derivava principalmente dal collasso del blocco sovietico e della fine della Guerra Fredda. L’Unione Sovietica e i suoi stati vassalli avevano cessato di sostenere Paesi come Angola, Guinea-Bissau, Madagascar, Congo, Namibia, Zimbabwe, e Tanzania, e gli Stati filo occidentali, come Nigeria, Repubblica del Botswana, Senegal e Gabon, non erano più frenati dalla possibile reazione estremista esterna o interna. Inoltre, il cambiamento nella politica di Israele nei confronti di Pretoria nel 1987 e la successiva morte del regime dell’apartheid rimossero l’ostacolo rappresentato dal Sud Africa nelle relazioni afro-israeliane. La Conferenza di Madrid del 1991, gli Accordi di Oslo del 1993, e il Trattato di pace con la Giordania del 1994 convinsero anche gli Stati più esitanti che era giunto il momento di ristabilire le relazioni con Israele.

Verso la metà degli anni Novanta, Israele aveva rapporti diplomatici con quarantadue dei quarantacinque Stati sub-sahariani, ma la qualità di questi rapporti non era paragonabile a quella degli anni Sessanta. Alla luce dei problemi economici e politici del continente africano, e alla luce del rinnovamento dei legami con la Russia e l’Europa Orientale e dell’avvio di relazioni con l’India e la Cina, e con una miriade di nuovi Stati indipendenti, gli Stati baltici, l’Ucraina, e le Repubbliche dell’Asia centrale, Israele non pose al centro della sua attività diplomatica l’Africa. Dal 1990, Gerusalemme limitò a undici le ambasciate in Africa, in contrasto con i trentatré del 1960. Ognuna delle undici ambasciate si occupava di diversi Stati della Regione; per esempio, l’ambasciatore residente in Kenya era anche responsabile dell’Uganda, della Tanzania, delle Comore, e dello Zambia, mentre il rappresentante in Sud Africa sovraintendeva agli interessi di Israele anche in Swaziland, Lesotho, Botswana, Zimbabwe e Malawi. A loro volta, gli Stati africani avevano soltanto dodici ambasciate in Israele.

La maggior parte delle relazioni tra Israele e Africa coinvolgevano ambiti molto “pratici”, soprattutto nel settore delle imprese private. Uomini d’affari israeliani- molti dei quali ex ufficiali dell’esercito- erano attivi in Stati come il Kenya, il Camerun, la Repubblica Democratica del Congo, la Nigeria, la Liberia, il Ruanda e la Sierra Leone. Il Dipartimento per la Cooperazione Internazionale del Ministero degli Esteri Israeliano (MASHAV) forniva assistenza nei settori dell’irrigazione, della medicina, dell’agricoltura, e della cooperazione economica, ma la sfera d’azione era molto modesta. Per esempio, dei 19 esperti israeliani con un contratto di lavoro a tempo indeterminato e dei 214 con contratto a tempo determinato, solo 5 e 24, rispettivamente, erano di stanza in Africa. In altre parole, solo il 10% delle attività del MASHAV erano in corso in Africa negli anni Duemila. Infine, la chiusura dei dipartimenti di studi africani presso l’Università ebraica nel 2001 e l’Università di Tel Aviv nel 2006 era indicativa delle priorità di Israele.

Le relazioni di Israele con il Terzo Mondo sono sempre state molteplici. Come regola generale, i rapporti bilaterali tra Israele e i singoli Stati erano migliori rispetto a quelli multilaterali. A seguito della conferenza di Bandung nel 1955, la posizione di Israele nelle organizzazioni internazionali del Terzo Mondo era precaria, come testimoniano le dichiarazioni e le politiche dei seguenti organismi: il blocco arabo-africano di Casablanca durante i primi anni Sessanta; l’Organizzazione per la solidarietà dei popoli afro-asiatici; il movimento dei Paesi non allineati; l’Organizzazione Tricontinentale; il gruppo 77; l’Organizzazione dell’Unità Africana tra il 1967 e il 2002 e il suo successore, l’Unione Africana; e, naturalmente, l’Organizzazione della Conferenza Islamica. Le eccezioni includevano alcune organizzazioni africane nel periodo 1958-1967, come ad esempio la Conferenza degli Stati Africani indipendenti e l’Organizzazione dell’Unione Africana nei suoi primi anni di attività. I problemi di Israele nei contesti multilaterali di un certo numero di Paesi del Terzo Mondo derivano dalla preponderanza dei membri arabi; per esempio, la Lega Araba comprendeva circa un quinto di tutti i Paesi del Terzo Mondo, e la loro influenza politica, militare ed economica era notevole. In molte occasioni, tuttavia, i Paesi che si erano schierati, avevano votato e agito contro Israele nelle Organizzazioni internazionali del Terzo Mondo erano contemporaneamente in buoni rapporti con lo Stato ebraico da un punto di vista bilaterale. Allo stesso tempo, le azioni dei Paesi del Terzo Mondo nelle Organizzazioni universali, quali l’ONU, l’UNESCO e L’Organizzazione Internazionale del Lavoro, erano note per essere in contraddizione con le intese raggiunte bilateralmente con Israele. Secondo Arye Oded, sussisteva ancora una evidente disparità tra la posizione ostile adottata dagli Stati africani nelle Nazioni Unite e le relazioni bilaterali più amichevoli con Israele anche dopo la grande distensione nei rapporti afro-israeliani negli anni Novanta.             

Si può affermare che l’atteggiamento pubblico nei confronti di Israele era spesso solo un pretesto per i veri rapporti, tenuti generalmente celati. Stati che hanno avuto strette relazioni militari, politiche ed economiche con Israele hanno spesso usato una retorica pubblica anti-israeliana per placare il mondo arabo: fino al 1978 l’Iran ha mantenuto dei rapporti segreti con lo Stato ebraico nell’ambito militare, dell’intelligence, della politica e dell’economia, compresa la fornitura del petrolio, ma ufficialmente erano evitate delle relazioni diplomatiche effettive. Cina e India hanno mantenuto rapporti con Israele nel campo della sicurezza e dell’approvvigionamento militare, molto tempo prima di accettare di trasformare queste relazioni in rapporti ufficiali. Singapore ha mantenuto in ombra la sua stretta collaborazione militare e logistica con lo Stato ebraico a causa del timore di una reazione bellicosa dei suoi vicini musulmani, Indonesia e Malesia; certamente lo stesso vale per la Turchia. Allo stesso modo, una stretta collaborazione con molti Stati africani, tra cui Uganda, Etiopia, Kenya, Nigeria, e Ciad, è stata nascosta agli occhi dell’opinione pubblica per molti anni.

Lo studioso indiano P. R. Kumaraswamy ha analizzato l’esistenza di rapporti segreti anche tra Israele e il Pakistan, considerato uno Stato pro-arabo per eccellenza. Nella sua valutazione, tali contatti avvennero durante il Governo di Ayub Khan (1958-1969), di Yahya Khan (1969-1971), e di Zia-ul-Haq (1977-1988), così come durante la premiership di Zulfikar Ali Bhutto (1972-1977), di Benazir Bhutto (1994-1996 e 1988-1990), e di Nawaz Sharif (1990-1993 e 1997-1999). Inoltre, Kumaraswamy afferma che il Ministro degli Esteri Zafrullah Khan (1947-1954) mantenne dei rapporti con Gerusalemme ed esisteva un ufficio informale di interesse israeliano in Pakistan durante gli anni Ottanta.

Secondo Kumaraswamy, la situazione unica di Israele ha dato luogo a diversi modelli di relazioni pubbliche e clandestine, tra cui i seguenti: il riconoscimento ufficiale, nascondendo la vera natura delle relazioni, l’Iran durante il periodo dello Shah; legami segreti senza il riconoscimento ufficiale, la Giordania prima del 1994; relazioni militari in assenza di legami politici, la Cina prima del 1992.

L’immagine di Israele nel Terzo Mondo è stata sovrastimata rispetto alla sua effettiva estensione, forza e influenza globale. Chaim Weizmann, primo Presidente di Israele, aveva consigliato ai suoi ambasciatori di evitare di rendere pubbliche le vere dimensioni del territorio del Paese e della sua popolazione. In tal senso, la diplomazia israeliana è riuscita oltre le aspettative. Negli anni Sessanta, Israele era percepito in Africa come una potenza di medie dimensioni, alla pari di Francia, Gran Bretagna, Germania Occidentale e Cina. Molti Stati si sono formati un’immagine di Israele alimentata anche da un latente antisemitismo, facendo diretto riferimento al tema cardine dell’antiebraismo, il “giudaismo internazionale”; ciò è stato notato soprattutto in riferimento al rapporto con il Congresso americano e con la Casa Bianca. Per esempio, un anziano Ministro giapponese disse al Primo Ministro israeliano Yitzhak Shamir che Israele aveva accesso illimitato ad ogni luogo e un’influenza senza limiti, che il Primo Ministro aveva un potere enorme e gli Stati Uniti in tasca. Israele ha esercitato una diplomazia di presenza ben oltre la sua dimensione e la sua importanza; infatti, vi sono stati anni in cui questo Paese sottostimato aveva la seconda più grande presenza diplomatica in Africa e in America Latina.

Di quale natura e profondità sono state le relazioni di Israele con i Paesi del Terzo Mondo? In generale, possiamo individuare tre variabili: in primo luogo, la situazione politica, demografica ed economica interna di ciascuno Stato; secondo, lo status quo globale, in particolare il livello di attrito tra i principali blocchi, l’emergere del Terzo Mondo come blocco politico, e la posizione del Mondo arabo; e terzo, le politiche di Israele, e non ultimo la sua immagine nel Terzo Mondo.

Un fattore interno importante è la religione. Anche dopo gli Accordi di pace con l’Egitto e la Giordania e il processo di Oslo, Israele non è riuscito a stringere dei rapporti con i Paesi musulmani in Asia (Pakistan, Afghanistan, Malesia, Bangladesh, Brunei, Indonesia e le Isole Maldive). Questo irrigidimento era frutto delle preoccupazioni di questi Paesi nei riguardi dell’islam radicale e del fatto che Israele non era ancora veramente in pace con il mondo arabo. Allo stesso modo, la resistenza ostinata dell’India nel non volere normalizzare le relazioni con lo Stato ebraico derivava dal timore per le reazioni del mondo arabo e della consistente minoranza musulmana presente nel Paese. In ogni caso, rapporti ufficiali tra i due Paesi sono stati stabiliti nel 1992 e rafforzati a seguito dell’ascesa al Governo del Partito Bharatiya Janata. In contrasto con il Partito del Congresso di Nehru e dei suoi successori, che considerava l’India uno Stato laico, il BJP è un Partito indù ostile all’islam, che tende a sottolineare le differenze religiose tra l’India e i suoi vicini musulmani, Pakistan e Bangladesh. Di conseguenza, il BJP ha identificato gli interessi religiosi e nazionali dell’India con Israele.

Gli stretti rapporti tra Israele e Singapore derivavano in gran parte dalla percezione della sua leadership che entrambi i Paesi fossero circondati da Stati musulmani ostili, in particolare il secondo ha sempre temuto di essere inglobato dalle musulmane Malesia e Indonesia.

Come era prevedibile, i rapporti di Israele in Asia sono stati più semplici in Paesi a maggioranza cristiana (Filippine), buddista (Birmania, Tailandia e Sri Lanka), o indù (India). Tuttavia, è opportuno rammentare che India, Sri Lanka e Tailandia devono tenere conto della sensibilità delle loro minoranze musulmane, fatto che ha avuto un suo peso nelle relazioni con Israele.

L’Africa detiene diverse forme della “variabile islamica” che possono incidere sui rapporti con Israele. Mentre negli anni Sessanta Israele era riuscito a creare legami con Paesi a maggioranza musulmana (come il Niger, il Mali e il Senegal) o in parte musulmani (ad esempio, la Nigeria e il Ciad), vi sono elementi musulmani che lavorano contro Israele in parecchi Stati. Nel corso degli ultimi decenni, la fede musulmana si è progressivamente politicizzata in tutto il continente africano, e i primi Stati a tagliare i legami con Israele, anche prima della Guerra dello Yom Kippur, erano in gran parte (Guinea, Niger e Mali) o parzialmente (Ciad) musulmani. Al contrario, i primi Stati a rinnovare le relazioni con lo Stato ebraico negli anni Ottanta e nei primi anni Novanta erano guidati principalmente da leader di fede cristiana (con l’eccezione della Nigeria sotto il Presidente Ibrahim Babangida).

Come in Asia, l’ostilità verso l’Islam poteva giocare a vantaggio di Israele. Durante il regno cristiano di Haile Selassie, e in qualche misura anche durante il Governo dei suoi successori rivoluzionari, l’Etiopia si sentiva accerchiata da nemici musulmani, sia all’interno sia all’esterno, quindi, ha cercato di costruire un rapporto stretto con Gerusalemme. La disintegrazione delle relazioni di Israele con l’Uganda è avvenuta durante il governo di un musulmano, Idi Amin, mentre le prospettive di ristabilire i legami con il Camerun si sono presentate quando il Presidente musulmano, Ahmadou Ahidjo, è stata sostituito dal cristiano Paul Biya. Analogamente, il Presidente cristiano dello Zambia, Frederick Chiluba, che aveva dichiarato il suo Paese uno Stato cristiano, sospettando che elementi islamici fossero coinvolti in attività sovversive, faceva chiudere le ambasciate irachene e iraniane, e instaurava legami più stretti con lo Stato ebraico. In tutto il continente africano, Israele ha avuto maggior successo nel forgiare dei forti rapporti con i Paesi cristiani (o quelli con una maggioranza o un Governo cristiano), come ad esempio il Malawi, la Repubblica Democratica del Congo, il Ghana, la Liberia, Swaziland e Lesotho, che con gli Stati musulmani.

Tuttavia, è importante ribadire che l’islam in Asia e in Africa non costituisce un ostacolo insormontabile, come dimostrano i seguenti esempi: le relazioni di Israele con la Turchia dopo la fondazione dello Stato ebraico; l’Iran durante il periodo dello Shah; i Paesi del Sahel africano prima della guerra dello Yom Kippur; e gli Stati musulmani africani dopo il 1990 (così come le relazioni di Israele con l’Egitto e la Giordania).         

I rapporti con Israele si connettono anche alla natura del regime politico del Paese. Le relazioni con i regimi marxisti e comunisti nei tre continenti meridionali sono state disastrose. La Cina comunista era ostile ad Israele dopo che quest’ultimo aveva rifiutato di stabilire relazioni diplomatiche con Pechino nei primi anni Cinquanta. Negli anni Sessanta, la Cina ha guidato un corso politico radicale anti-israeliano, arrivando anche alla concessione del riconoscimento e dell’assistenza alle organizzazioni terroristiche arabe. Tuttavia, verso la metà degli anni Ottanta, vi sono stati dei segnali di disgelo nelle relazioni sino-israeliane; questo processo sarebbe poi culminato nell’istituzione di relazioni diplomatiche nel 1992. Non è certo una coincidenza che questo cambiamento sia avvenuto parallelamente a scelte economiche e politiche più orientate verso il mercato.

Al contrario, Israele non ha avuto relazioni con altri Stati comunisti dell’Asia, come Mongolia, Corea del Nord e Vietnam del Nord. La Mongolia ha stabilito rapporti diplomatici con Israele nel 1991, dopo l’apertura verso l’Occidente. Le relazioni di Israele con il Vietnam unificato sono state stabilite nel 1993, quando Hanoi era nel mezzo di un processo di avvicinamento al capitalismo in economia e di apertura all’Occidente in politica. Durante i primi due decenni e mezzo della sua esistenza, Israele mantenne relazioni diplomatiche con Laos, Cambogia, e Vietnam del Sud, ma questi rapporti si interruppero quando questi Stati caddero sotto un regime comunista nel corso degli anni Settanta.

Gli Stati rivoluzionari dell’America Latina hanno rotto le relazioni diplomatiche con Israele negli anni Settanta. I regimi comunisti africani, Angola, Mozambico, e Guinea-Bissau non hanno avuto relazioni con Israele fino alla caduta del blocco sovietico. La posizione di Israele nell’Etiopia marxista peggiorò progressivamente, ma le relazioni furono rinnovate nel 1989.

Fino al 1967, Israele ha mantenuto rapporti cordiali con Paesi socialisti, come il Ghana, il Mali, la Guinea, la Tanzania, l’Uganda, e la Guyana, tra gli altri, che consideravano lo Stato ebraico uno Stato socialista e un modello per il loro sviluppo. Durante questo periodo, Israele ha anche mantenuto relazioni amichevoli con Stati socialdemocratici (Birmania nel 1950, il Nepal sotto Koirala, Singapore, la Repubblica malgascia negli anni Sessanta, il Senegal fino al 1973, e il Costa Rica), con Paesi liberali (l’Argentina sotto Alfonsin e il Sri Lanka di Jayewardene), e conservatori (Kenya, Malawi, Costa d'Avorio, Tailandia, e Giappone). In America Latina, Edy Kaufman ha osservato una correlazione positiva tra l’estensione della democrazia in un Paese e la forza della sua relazione con Israele.

Il quadro complessivo delle relazioni internazionali di Israele che emerge è abbastanza chiaro: i regimi di estrema sinistra solitamente non hanno stabilito legami con Israele; regimi orientati verso il comunismo senza aderirvi completamente offrivano un qualche possibilità di relazioni; una svolta verso destra da parte di un regime radicale offriva la possibilità di un miglioramento dei rapporti. In pratica, Israele ha mantenuto rapporti, con vari gradi di vicinanza, con una vasta gamma di regimi politici, dall’estrema destra alla sinistra moderata. Le relazioni con Stati retti da Governi di estrema sinistra (Cuba dal 1960 al 1973 e Etiopia dal 1989 al 1991) sono state delle anomalie.

Insieme con le caratteristiche politiche di uno Stato, la personalità del leader può costituire un fattore significativo nei rapporti con Israele. I regimi del Terzo Mondo hanno sempre teso ad essere molto personalistici, pertanto i legami di un Paese con Israele possono derivare dalla sua conoscenza degli ebrei, da una visita in Israele, dalle sue credenze religiose, o dal supporto che lui ha ricevuto in un momento di bisogno dallo Stato ebraico.  Per esempio, Haile Selassie (Etiopia), U Nu (Burma), Houphouët-Boigny (Costa d’Avorio), Senghor (Senegal), Kenyatta (Kenya), Tubman (Liberia), Mobutu (Zaire), Macapagal (Filippine), e Chiluba (Zambia) erano tutti fermamente pro-Israele.  

La storia di una Nazione, di uno Stato o di una Regione può avere un impatto sull’atteggiamento del Governo nei confronti di Israele. Ad esempio, l’Asia è priva di qualsiasi connessione religiosa o culturale con il popolo ebraico. Il “collegamento cristiano”, per mezzo della Bibbia, esiste soltanto nelle Filippine. Questo spiega, dunque, perché lo Stato ebraico abbia avuto così tante difficoltà nel penetrare nel continente asiatico, dove una metà dei Paesi è controllata dai musulmani che possiedono sentimenti antagonistici nei confronti dell’ebraismo e l’altra metà è dominata da culture asiatiche prive di qualsiasi “collegamento ebraico”.

La situazione è diversa in America Latina, che segue più o meno la tradizione cristiana europea. Di conseguenza, molti latino-americani considerano l’ebraismo parte di una sola cultura giudaico-cristiana, e la “terra della Bibbia” e “la gente del Libro” sono difficilmente estranei al cattolicesimo latino-americano.

Le richieste speciali di assistenza da parte del Terzo Mondo hanno lasciato il loro segno, nel bene e nel male, sulle relazioni con Israele. L’apprensione causata dalle aspirazioni egemoniche del leader egiziano Nasser negli anni Cinquanta e Sessanta hanno dato luogo a rapporti particolari tra lo Stato ebraico e i seguenti Paesi: Etiopia, Uganda, Tanzania, Ghana, Kenya, Ciad, Costa d’Avorio, e Liberia. Allo stesso modo, le necessità di supporto nell’ambito militare e dell’intelligence contro Muammar Gheddafi hanno spinto il Camerun, il Togo, la Liberia, il Ciad e la Costa d’Avorio ad entrare in contatto con Israele negli anni Ottanta. D’altra parte, la Libia e l’Arabia Saudita hanno utilizzato “l’arma” dell’assistenza finanziaria per convincere i Paesi con esigenze economiche urgenti, come ad esempio l’Uganda, il Ciad, il Niger, e il Burundi, a recidere tutti i legami con lo Stato ebraico nel biennio 1972-1973. 

La presenza di comunità ebraiche e arabe può avere un impatto sulle relazioni di un Paese con Israele. Non è un caso che gli Stati latino-americani, con le loro benestanti e ben organizzate comunità ebraiche (Argentina, Brasile, Cile e Messico), siano generalmente amichevoli nei confronti di Israele, ma il marchio della Diaspora può essere avvertito anche in Paesi in cui la popolazione ebraica è una minoranza esigua (ad esempio Panama e Guatemala). Tuttavia, il “fattore ebraico” non dovrebbe essere né trascurato, né enfatizzato; infatti, la presenza di una forte comunità ebraica non ha potuto evitare il deterioramento delle relazioni tra il Venezuela di Hugo Chavez e Israele, che nel 2009 ha portato all’espulsione dell’ambasciatore israeliano, a causa del feroce antiamericanismo e dell’alleanza con l’Iran.

Ulteriori prove della correlazione tra il destino degli ebrei di un Paese e le sue relazioni con lo Stato ebraico possono essere tratte da quegli Stati marxisti, come Cuba e il Nicaragua sandinista, in cui le comunità ebraiche hanno cessato di esistere dopo che i Governi avevano interrotto le relazioni con Israele. È interessante notare come singoli ebrei abbiano, a volte, influenzato le relazioni di un Paese con Israele; Reuven Merhav ha studiato il contributo di singoli ebrei alla creazione di relazioni in India, Filippine e Hong Kong.         

Anche se l’Africa non ha grandi comunità ebraiche, diverse piccole comunità e singoli ebrei hanno occasionalmente giocato un ruolo importante nel coltivare le relazioni di Israele con i leader africani, come nel caso dell’Etiopia, dello Zaire, del Ghana, del Tanzania e del Kenya. Per esempio, Yisrael Suman, uomo d’affari ebreo e sindaco di Nairobi, ha introdotto i leader israeliani presso le autorità in Kenya e Uganda, prima dell’indipendenza del Kenya.

Sia l’America Latina sia l’Africa ospitano delle consistenti minoranze arabe, che in alcuni casi possono rappresentare un ostacolo per Israele. Al contrario, ci sono arabi che hanno raggiunto un grado talmente alto di assimilazione nei loro Paesi di adozione per cui la loro origine non rappresenta più un impedimento per quanto concerne i rapporti con Israele. Per esempio, le origini siriane del Presidente argentino Carlos Menem non hanno impedito che i due Paesi mantenessero buoni rapporti durante la sua permanenza in carica.      

La situazione africana è più complicata, infatti, in alcuni casi, le minoranze arabe sono disprezzate dalle masse africane e dai Governi, non costituendo, quindi, una “risorsa politica” per il mondo arabo. La comunità siro-libanese in Ghana, Costa d’Avorio e Sierra Leone, che ha avuto un importante ruolo nell’oligarchia araba dello Zanzibar prerivoluzionario, testimonia quanto il contesto risulti complicato, poiché l’ostilità verso gli arabi locali può tradursi in amicizia verso lo Stato ebraico.

Fattori internazionali hanno concorso a modellare le relazioni di Israele con il Terzo Mondo. Durante la Guerra fredda, gli Stati che erano vicini all’Occidente e agli Stati Uniti in particolare (ad esempio Argentina, Brasile, Costa Rica, Filippine, Tailandia, Singapore, Costa d’Avorio, e Kenya) tendevano ad avere rapporti cordiali con lo Stato ebraico, mentre gli Stati vicini all’Unione Sovietica (per esempio, Cuba, il Nicaragua sandinista, l’Angola, il Mozambico, il Vietnam e la Corea del Nord) erano chiaramente ostili. Infine, i Paesi neutrali (ad esempio l’India, la Tanzania di Nyerere, la Birmania sotto Ne Win, la Cambogia durante i giorni di Sihanouk, e il Mali durante il mandato di Keita) erano ambivalenti.     

Un altro fattore internazionale che pesa sulle relazioni con Israele è la natura e la profondità dei legami di un Paese con il Mondo arabo. Un’alleanza militare con uno Stato arabo (Turchia, Iran e Pakistan durante il periodo del Patto di Baghdad), la forte dipendenza dal petrolio (Giappone), il supporto in un conflitto regionale (India e Taiwan rispettivamente con il Pakistan e la Cina comunista), e la fedeltà a Nasser nella sua veste di leader del blocco dei Paesi non allineati (India, Indonesia, Mali, Guinea e Guyana negli anni Cinquanta e Sessanta) sono alcuni dei fattori che hanno impedito a molti Paesi di avvicinarsi a Israele.   

È possibile notare che le relazioni di Israele con il Terzo Mondo sono sempre state basate sulla sua politica, sulle sue azioni, e sulla sua immagine. L’assistenza tecnica che Israele ha fornito nell’ambito dello sviluppo regionale, nell’irrigazione delle regioni aride, nell’edilizia residenziale pubblica, nella cooperazione economica e nell’organizzazione di movimenti giovanili hanno contribuito enormemente alla grande stima del Paese in Birmania negli anni Cinquanta, in Africa negli anni Sessanta, e in America Latina durante gli anni Settanta. Gli esperti israeliani sono sempre stati considerati dei veri professionisti, con un talento per l’improvvisazione, inoltre, erano noti per la loro mancanza di alterigia “coloniale” e la disponibilità ad assumersi la giusta dose di lavoro fisico. I modelli israeliani unici nel campo dell’organizzazione e della società, il kibbutz e il moshav, il GADNA, un programma che fornisce addestramento militare per gli studenti delle scuole superiori, e il NAHAL, una brigata di fanteria che unisce il servizio militare con la costituzione o il rafforzamento delle comunità agricole periferiche, l’Histadrut e i movimenti giovanili hanno destato l’interesse dei leader del Terzo Mondo, che vi vedevano delle possibili soluzioni per i problemi del sottosviluppo, della povertà, dell’ignoranza, e del tribalismo. Molta importanza è stata attribuita agli Istituti israeliani per la ricerca e l’assistenza tecnica al Terzo Mondo, come l’Istituto per gli studi sociali e la cooperazione a Tel Aviv, il Centro Internazionale di formazione per i servizi comunitari del Monte Carmelo a Haifa, il Centro per lo sviluppo regionale a Revot, il Centro internazionale per lo sviluppo agricolo a Tel Aviv, e il Centro internazionale per la formazione a Ramat Rachel.

L’entusiasmo dell’Africa per rinnovare i suoi rapporti con Israele nel 1990 è sicuramente collegato ai ricordi molto positivi degli aiuti efficienti che Israele aveva esteso durante gli anni Sessanta. L’assistenza tecnica fornita da Israele si è andata progressivamente allontanando dai modelli socialisti, aumentando invece il valore delle offerte “pratiche” in campo militare, nell’intelligence, nella sfera economica e politica. Servizi di sicurezza e intelligence, cooperazione nella guerra contro il terrorismo, relazioni commerciali ed economiche sono aspetti che hanno occupato sempre più spazio nell’agenda di politica estera di Israele nei Paesi africani dagli anni Ottanta. È importante rilevare che il “socialismo israeliano”, che era stato un elemento molto attrattivo per il Terzo Mondo durante gli anni Cinquanta e Sessanta, aveva perso il suo fascino durante l’era della “fine delle ideologie”, che ha corrisposto in Israele ad una fase maggiormente neoliberista dal punto di vista economico e politico.       

Alcuni studiosi osservano come gli attuali rapporti tra Israele e il Terzo Mondo abbiano perso la convinzione dell’esistenza di un’affinità ideologica condivisa fra lo Stato ebraico e i Paesi dell’Africa, dell’Asia, e dell’America Latina. A loro giudizio, idee come il desiderio di Israele di portare soccorso al Mondo e “l’unione dei perseguitati” sono divenute anacronistiche. Vi sono osservatori che considerano le nuove forme di relazione un’opportunità per la creazione di rapporti più pratici, stabili e maturi. La natura commerciale di tali rapporti rappresenta una caratteristica saliente delle relazioni con l’India e la Cina, e a anche dei rinnovati legami con l’Africa sub-sahariana.

In conclusione è possibile affermare che la perdita della componente idealista e romantica nei rapporti con il Terzo Mondo rivela i cambiamenti sostanziali che hanno interessato Israele dagli anni Cinquanta ad oggi.     


 


Bibliografia

 

Aloni, Roni. The Scope of Trade between India and Israel to Reach Five Billion Dollars in 2007. Haaretz, India-Israel Business Supplement (November 2005), 10.

Amir, Shimeon. Israeli Cooperation in the Development of Foreign Countries. In: Yegar, Govrin, and Oded. Ministry for Foreign Affairs: the First Fifty Years. Jerusalem: 2002, vol. II, 973–976

 ——— Israel’s Development Cooperation with Africa, Asia and Latin America (New York: 1974).

Arbel, Mordechai. Israel’s Training Methods for Developing States: the early 1970s. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 981–984.

Ariel, David. Notes from Israel-South Africa Relations upon the Collapse of Apartheid. In: Ibid., vol. II, 704–717.

Avriel, Ehud. Israelís Beginnings in Africa. In: Curtis and Gitelson, Israel in the Third World (New Brunswick: 1976), 69–74.

——— First Steps in Concert. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 965–972.

Bachar, Giora. The Normalization of India-Israel Relations. In: Ibid., vol. I, 543–549.

Bar, Shmuel. Pakistan and Israel: Why and Why Now? Middle East Roundtable, vol. 3 (Sept. 22, 2005). [bitterlemons-international.org], 1–3.

Barromi, Yoel. Argentina under the Rule of the Military Junta: 1977–1983. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 770–779.

——— Israel, the UN, and Latin American Countries: Passing Thoughts on Bygone Years. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 754–769.

Brecher, Michael. Israel and China: A Historic Missed Opportunity. In: Curtis and Gitelson, 212–217.

Chazan, Naomi. Israel and Africa: Challenges for a New Era. In: American Jewish Committee, Israel and Africa: Assessing the Past, Envisioning the Future (2006), 1–15.

——— Israel in Africa. In: Neuberger (ed), Diplomacy and Confrontation: Selected Issues in Israel’s Foreign Relations, 1948–1978 (Tel Aviv: 1984) 607–625.

——— Israel-Africa. In: Ofaz, 208–211.

Cohen, Yaacov. Israel-Japan, Fifty Years of Relations: the Past and the Future. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. I, 550–564.

Curtis, Michael and Gitelson, Susan Aurelia, eds. Israel and the Third World (New Brunswick: 1976).

Danieli, David. Israel-Korea Relations: Ambassadorial Matters. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. I, 597–598.

Decalo, Samuel. Africa and the UN Anti-Zionist Resolution: Roots and Causes. Cultures and Development, vol. 8, 1 (1976), 89–117.

——— Israel and Africa: The Politics of Cooperation (Philadelphia: 1970).

Dibon, Haim. The Steps that Led to the Establishment of Relations between Israel and Eritrea. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 668–671.

Eger, Akiva. Histadrut: Pioneer and Pilot Plant for Israelís International Cooperation with the Third World. In: Curtis and Gitelson, 75–80.

——— Israelís Foreign Aid Projects. Ibid., 392–400.

Gilboa, Moshe. Ben Gurion’s Views on the Third World. International Problems, vol. XXV, 47 (1986), lxx–lxxvii.

——— Israel and Nigeria: Relations under the Shadow of Crisis. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 630–645.

Gitelson, Susan Aurelia. The OAU Mission and the Middle East Conflict. International Organization, vol. 27, 3 (Summer 1973), 413–420.

——— Israelís African Setback in Perspective. Jerusalem Papers on Peace Problems, 6 (Jerusalem: 1974).

Glick, Edward. Latin America and the Palestine Problem (New York: 1968).

Gruen, George. Turkeyís Relations with Israel and its Arab Neighbors. Middle East Review, vol. 17, 3 (Spring 1985), 33–43.

Hacohen, David. Burmese Diary: 1953–1955 (Tel-Aviv: 1963).

Hamed, Ghazi. Pakistan and Israel: An Undeserved Prize. Middle East Roundtable, vol. 3 (Sept. 22, 2005). [bitterlemons-international. org], 3–4.

Harari, Chaim. Rwanda and Israel: the Humanistic Aspect of Israel’s Activities in Africa. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 698–703. 

Hershlag, Zvi. Israel-Africa Cooperation: Final Report (Tel Aviv: 1973).

Herzl, Theodor. Altneuland. Haifa: 1960.

Hussein, Irfan. Pakistan and Israel: Testing the Waters. Middle East Roundtable, vol. 3 (Sept. 22, 2005), 5ñ6.

Inbar, Efraim. The Indian-Israeli Entente. Mideast Security and Policy Studies, 57 (BESA, Bar Ilan University 2004).

Inbar, Herzl. Israel and Latin America. In Ofaz. 181–185.

Inor, Chanan. Ethiopia and Israel. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 646–648.

——— Relations with the Ivory Coast. In: Ibid., 681–691.

——— Thirty Years of International Aid. In: Ibid., 959–964.

Kaufman, Edy. Israel and Latin America. In: Ofaz, 181–185.

——— et al., eds. Israel-Latin American Relations (New Brunswick: 1979).

Kochan, Ran. Israel in Third World Forums. In: Curtis and Gitelson, 247–269.

——— Israel’s Relations with Asian States East of Iran, 1948–1967 (London: 1970).

Kreinin, Mordechai. Israel and Africa: A Study in Technical Cooperation (New York: 1964).

Kumaraswamy, P.R. Beyond the Veil: Israel-Pakistan Relations. Memorandum, 55 (Jaffe Center for Strategic Studies, Tel Aviv University: Mar. 2000).

——— India and Israel: Evolving Strategic Partnerships. Security and Policy Studies, 40 (Begin-Sadat Center for Strategic Studies, Bar Ilan University: Sept. 1998).

——— India and Israel: Emerging Partnership. Journal of Strategic Studies, vol. 25 (Dec. 2002), 193–200.

——— Israel-Pakistan: Prelude to Normalization. Tel Aviv Notes, 146 (Jaffe Center for Strategic Studies and the Dayan Center for Middle Eastern and African Studies, Tel Aviv University: Sep. 2005).

——— Mahatma Gandhi and the Jewish National Home. Asian and African Studies, vol. 26, 1 (Mar. 1992), 1–14.

Laufer, Leopold. Israel and the Developing Countries (New York: 1967).

Leshem, Guy. The Adventures of Chezi on the Black Continent. Haaretz, June 18, 2006 [Hebrew].

Levi, Mordechai. The History of Israel-Thailand Relations. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. I, 599–606.

Liba, Moshe. Issues in Israel-Cameroon Relations. In: Ibid., vol. II, 692–697.

Lorch, Netanel. Basic Factors in Israel-African Relations. The New East, vol. 12, 1–2 (1962), 1–18.

——— Israel-Iberian America Relations until 1972. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 723–753.

——— An Israeli View of the Third World. In: Curtis and Gitelson, 27–30.

Medzini, Meron. China-Israel: A Wasted Opportunity? Keshet, vol. LIV (1972), 5–22.

Matani, David. Israel and Sri Lanka. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 629–667.

Merhav, Reuven. The Dream of the Red Hall: From the Redolent Port to the Forbidden City/From Hong-Kong to Beijing. In: Ibid., vol. I, 565–578.

——— Israel’s Relations with Latin America, Africa, Asia, and the Pacific. In: Ofaz, 177–180.

Meir, Golda. My Life (London: 1975).

Oded, Arye. Israel-Africa. In: Ofaz, 203–207.

——— Israel/Africa: Historical and Political Aspects. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 615–629.

——— Relations with Uganda. In: Ibid., 673–680.

——— Uganda and Israel: The History of a Complex Relationship — a Paradigm of Changing Relations between Israel and Africa (Jerusalem: 2002).

Ofaz, Haim, ed. Israel’s Foreign Policy: Highlights from the Conference “50 Years of Israeli Foreign Policy” (Jerusalem: 1999).

Padmanbaham, L.K. India, Israel and the Arab World. International Problems, vol. 14, 1–2 (1975), 11–14.

Pant, Harsh V. India-Israel Partnership: Convergence and Constraints. The Middle East Review of International Affairs, vol. 8, 4 (Dec. 2004).

Pundak, Itzhak. A Man for All Time (Tel Aviv: 2005), 171–246.

Schwartz, Eli. On Medicine and Diplomacy. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 985–987.

Shai, Aharon. Israel and China: a Case of Shifting Relations. Zmanim 85 (winter 2003–2004), 6–14.

Shapira, Yoram. Latin America’s Approach to Israel: External and Internal Factors. In: Neuberger, 564–606.

——— and Kaufman, Edy. Cuba’s Israel Policy: The Shift to the Soviet Line. Cuban Studies, vol. 8, 1 (January 1978), 22–23.

Sharett, Moshe. A Paddle in Asia: A Travel Diary (Tel Aviv: 1958).

Shelef, Yitzhak. Israel, Asia, and the Pacific. In: Ofaz, 192–196.

Shichor, Yitzhak, China between Israel and the Arabs. In: Neuberger, 496–527.

——— Israel and Asia. In: Ofaz, 192–201.

——— Israel-China: Breaches in the Bamboo Curtain. Politica, 12 (January 1987), 42–45.

——— The Middle East in China’s Foreign Policy, 19491977 (Cambridge: 1979).

Shiloni, Ben Ami. Japan and Israel: The Relationship that Withstood Pressures. Middle East Review, vol. 18, 2 (winter 1985–1986), 17–24.

Shimoni, Gideon. Gandhi, Satyagraha and the Jews: A Formative Factor in Indiaís Policy Toward Israel. Jerusalem Papers in Peace Problems, 22 (1977).

Shimoni, Yaacov. Burma: Relations of Friendship. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. I, 537–538.

——— India: Years of Alienation. In: Ibid., vol. I, 539–542.

——— Israel’s Relations with the Countries of Asia. Skira Chodshit, vol. 21, 10 (October 1974), 26–32.

Singh, Jasjit. Islamabadís Flirtations with Israel Out in the Open. Middle East Roundtable, vol. 3 (Sept. 29, 2005), 6–7.

Sufot, Zev. Israel’s China Policy, 1950–1992. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. I, 579–596.

Toledo, Avraham. Israel-Africa. In: Ofaz, 212–216.

Weinbaum, Marvin. Iran and Israel: The Discreet Entente. Orbis, vol. 18, 4 (Winter 1975) 1070–1087.

Yanai, Yaacov. The Technical Cooperation between Israel and the Countries of the Developing World. In: Yegar, Govrin, and Oded, vol. II, 977–979.

Yegar, Moshe. Israel in Asia. The Jerusalem Quarterly, 18 (Winter 1981), 5–28.

——— The Long Journey to Asia: a Chapter in the Diplomatic History of Israel. Haifa: 2004.

——— Govrin, Yosef and Oded, Arye. Ministry for Foreign Affairs: The first Fifty Years (Jerusalem: 2002) [Hebrew].

——— Principal Factors in Asia-Israel Relations. In: Ibid., vol. I, 533–536 [Hebrew].

 

 

 

Tag: Daniela Franceschi, rapporti Israele-Paesi in via di sviluppo, Africa, Asia, America Latina, Terzo Mondo, Europa, blocco Sovietico, Unione Sovietica, Cina, India, Stati Uniti, Guerra Fredda



Casella di testo

Citazione:

Daniela Franceschi, Israele e il Terzo mondo: un approccio storico, "Free Ebrei. Rivista online di identità ebraica contemporanea", VIII, 1, gennaio 2019

url: http://www.freeebrei.com/anno-viii-numero-1-gennaio-giugno-2019/daniela-franceschi-israele-e-il-terzo-mondo



Steegle.com - Google Sites Like Button

Steegle.com - Google Sites Tweet Button


Comments